Seleziona una pagina

Av­ver­tenza per il let­tore.

Nello svi­lup­pare la no­stra ana­lisi sulle ca­rat­te­ri­sti­che del «Pre­mio Ita­live» ab­biamo ri­te­nuto utile ri­por­tare l’immagine di al­cune delle ini­zia­tive della Ca­te­go­ria «Mo­stre, Mer­cati e Fiere» in cui è stata col­lo­cata la mo­stra «Ot­to­cento Lom­bardo». Si tratta di 50 ini­zia­tive sulle 951 com­prese in quella Ca­te­go­ria dei par­te­ci­panti al «Pre­mio Ita­live».

Nella loro scelta ab­biamo se­guito il cri­te­rio di pro­por­zio­na­lità ri­spetto all’insieme delle 951 esa­mi­nate quanto al con­te­nuto: arte, ter­ri­to­rio, ga­stro­no­mia, ecc. Forse a qual­che let­tore parrà strano di ve­dere ac­co­stato al nome di un grande ar­ti­sta come Mirò la «Fe­sta della Mela Cam­pa­nina e del Par­mi­giano Reg­giano». Ma ciò è quanto trova il vi­si­ta­tore della piat­ta­forma: nella me­de­sima ca­te­go­ria sono me­sco­lati pit­tura e por­chette, scul­ture e bo­vini.

Sia chiaro: non ab­biamo as­so­lu­ta­mente nulla a ri­dire sulla piat­ta­forma che ospita le 4.377 ini­zia­tive che con­cor­rono al «Pre­mio Ita­live 2019». Anzi, se ci è con­sen­tito, lo scor­rere il lungo elenco di eventi di tutta Ita­lia ci ha riem­piti di stu­pore.
Quella gal­le­ria è straor­di­na­ria.

È uno spac­cato della no­stra so­cietà, colta da una an­go­la­zione as­so­lu­ta­mente ori­gi­nale, che me­rita di es­sere ap­prez­zata e stu­diata.

Un vero e sin­cero com­pli­menti! a Mar­ko­net Srl, l’organizzatore della piat­ta­forma, cui diamo un unico sug­ge­ri­mento: or­ga­niz­zate le cose in modo che le im­ma­gini delle ma­ni­fe­sta­zioni siano cor­ret­ta­mente vi­si­bili e non scon­ciate come pur­troppo sono per la mag­gior parte.
Sap­piamo che que­sto è un pro­blema or­ga­niz­za­tivo non da poco ma ren­de­rebbe la piat­ta­forma uno stru­mento ve­ra­mente utile per il­lu­strare i mille “ge­nius loci” del no­stro paese.

Di­versa è la no­stra va­lu­ta­zione sul «Pre­mio Ita­live».
Ne ab­biamo stu­diato con at­ten­zione i di­versi pas­saggi an­che per­ché in un primo mo­mento ave­vamo pen­sato di ca­ri­care sulla piat­ta­forma Ita​live​.it una no­stra ini­zia­tiva, che pro­get­tiamo per il pros­simo tardo au­tunno in Mi­lano, su temi le­gati all’esperienza di scien­ziato dell’Abate Stop­pani.

Ma guar­dando con at­ten­zione ci siamo resi conto di una se­rie di ne­ga­ti­vità, non della piat­ta­forma ma della strut­tura del «Pre­mio Ita­live» a essa col­le­gato. Ab­biamo an­che chie­sto chia­ri­menti all’organizzatore del pre­mio e fatto qual­che do­manda al «Mi­ni­stero dei beni e delle at­ti­vità cul­tu­rali» a pro­po­sito del loro Pa­tro­ci­nio.
Dall’insieme de­gli ele­menti rac­colti ci siamo resi conto che se la piat­ta­forma Ita​live​.it è pro­prio in­te­res­sante, il «Pre­mio Ita­live» è a no­stro av­viso molto mo­de­sto in ter­mini di rap­pre­sen­ta­ti­vità e di coe­renza in­terna. A quelli che a noi pa­iono suoi li­miti evi­denti de­di­chiamo i ca­pi­toli sot­to­stanti.

Vo­gliamo qui evi­den­ziare la sua in­con­gruità del pre­ve­dere una unica ca­te­go­ria — Mo­stre, Mer­cati e Fiere — per eventi del tutto ete­ro­ge­nei. Per­ché me­sco­lare Mirò con la «Fe­sta della Mela Cam­pa­nina e del Par­mi­giano Reg­giano» o il Ca­na­letto con «Mondo Sposi» o Si­roni con la «31ª Mo­stra zoo­tec­nica man­da­men­tale» di Ca­spog­gio Son­drio?
Non è nep­pure un mi­ne­strone (in cui i di­versi ele­menti si amal­ga­mano ot­ti­ma­mente) ma una ac­coz­za­glia senza senso, che svi­li­sce tutte le ini­zia­tive creando un ef­fetto ca­co­fo­nico e per nulla si­ner­gico.
Ri­te­niamo che da parte di “San­vito-Piazza” il non com­pren­dere que­sto aspetto della vi­cenda, è pro­prio il si­gillo alla loro in­ge­nuità cul­tu­rale e ina­de­gua­tezza nel ge­stire un tema così im­por­tante come la cul­tura della città di Man­zoni.

Eventi della Ca­te­go­ria «Mo­stre, Mer­cati e Fiere» in gara con «Ot­to­cento Lom­bardo» per il «Pre­mio Ita­live 2019».